Usiamo i cookies perchè tu abbia la migliore esperienza di navigazione. Se continui a utilizzare questo sito noi pensiamo che tu ne sia felice.

APPENNINO SOLIDALE: LEGNA E SALE PER LE ZONE TERREMOTATE

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQbGVdwLjIAGM1S0tCxHC-EECsnoAX3hKELBYM7teFhzpZOLMVeZg

Iniziativa di Letterappenninica: due camion per Accumuli (Rieti)

 

San Marcello Pistoiese 20 gennaio 2017 – 110 quintali di sale per liberare le strade e 50 di legna per scaldare la gente. Ha un segno diverso di solisarietà fra i tanti che sono in corso, questo che origina dall’Appennino Pistoiese in favore di un Appennino distante qualche centinaio di chilometri: il segno – sintetizza Federico Pagliai, scrittore montano e ideatore dell’iniziativa - delle tante persone di montagna che questa tragedia degli Appennini se la sentono dentro e vicina: una montagna viva, un po’ appisolata, ma se toccata con gli stimoli giusti diventa l’ombelico della solidarietà”.
Partiranno da San Marcello Pistoiese nella prossima notte, in modo da arrivare a destinazione all’alba di domani sabato 21 gennaio, due camion di LetterAppenninica con quintali di sale e di legna: destinazione Posta, sulle montagne reatine, presso il luogo di stoccaggio materiale allestito dal COI (Centro Operativo Intercomunale).

Un viaggio di solidarietà montana – spiega Federico Pagliai, presidente della associazione culturale “LetterAppenninica” che organizza rassegne culturali basate proprio sulla dorsale montana troppo spesso trascurata e dimenticata – nato in poche ore dopo una chiacchierata telefonica con Sabrina Fantauzzi, una giornalista che vive sui monti attorno a Illica, frazione terremotata nel comune di Accumuli (Rieti).

Già nei mesi scorsi – prosegue Pagliai – c’erano stati contatti con Sabrina per iniziare una sorta di gemellaggio letterario capace di tenere accesa, in qualche modo, l’attenzione verso località così piccole e così facilmente dimenticabili dopo la notorietà dei primi drammi. E’ da questa telefonata, seguita da un’altra con il vicesindaco di Accumuli, l’allevatore di bestiame Tonino Valentini, che è nata la richiesta: c’è immediato bisogno, appunto, di legna per scaldare le persone e di sale per liberare le strade sommerse da neve e ghiaccio.

In poche ore, dopo l’SOS lanciato da “LetterAppenninica” attraverso email, social e telefonate un tam tam solidale ha consentito, in 7 punti di raccolta in vari paesi della montagna pistoiese, di raccogliere i 160 quintali di materiale che nella notte partiranno, su due camion, per Accumuli. Le primissime spese sono state anticipate da “LetterAppenninica” che, anche raccogliendo specifiche richieste da parte di privati intenzionati a sostenere l’iniziativa, diffonde il proprio IBAN. Questa – aggiunge Pagliai – intende infatti essere una prima iniziativa: “altre ne seguiranno per portare cose concrete, pertinenti al periodo, mirate per scopi specifici come ad esempio aiuti per allevatori e contadini di quelle zone”.

Venerdì 20 gennaio 2016, presso il ristorante di Nonno Cianco a Cutigliano, durante un incontro, già programmato da tempo, per la presentazione di un libro di ricette (ore 17:30) cui seguirà (ore 19:30) una “disfida culinaria” e ci sarà modo di affinare il progetto. “L’iniziativa, con il libro di Lorena Grattoni (“Le ricette della Leda”) era pensata da molti mesi come occasione per una serata rilassata mettendo insieme cuochi di montagna con ricette bolognesi: ma quanto sta accadendo in un Appennino così vicino al nostro – spiega Pagliai – ci ha obbligato a modificare tono e contenuti della serata”. Il libro sarà presentato e le ricette saranno realizzate dai cuochi Andrea Alisi e Marco Mucci, ma “LetterAppenninica” avrà anche un altro modo per concretizzare una delle sue finalità: difendere la cultura appenninica italiana.

ù

 

Dicembre 2016 e Gennaio 2017.

Le iniziative in programma...

 

Dopo la trasferta in Cilento, Letterappenninica non si ferma e torna  con un calendario ricco di appuntamenti anche per i mesi di dicembre e gennaio con una serie di iniziative che hanno per protagonista la montagna.

Dicembre 2016

Il 7 dicembre 2016, ore 17.30 l Caffè Letterario a Cutigliano, presso il ristorante Nonno Cianco. L'incontro sul tema "La montagna come domicilio del vivere lento e e dei silenzi", organizzato in collaborazione con Montagnarte, vede la partecipazione di Andrea Ottanelli.

Il 10 dicembre 2016, ore 17 presso la sala Coop di San Marcello Pistoiese la giornata Internazionale della Montagna, con proiezioni di filmati sulla vita in montagna.

Il 23 dicembre 2016, alle ore 17.30 a Cutigliano presso La Baita, incontro con Valerio Fagioli, autore del libro " Segreti della cucina toscana". L'incontro, organizzato in collaborazione con Montagnarte, sarà mderato dal giornlista Mauro Banchini.

Gennaio 2017

Il 20 gennaio 2017 al ristorante “Nonno Cianco”, Bologna - Cutigliano: disfida tra i fornelli ( da una iniziativa fiorentina di “Letterappenninica”), con la partecipazione di Slow Food Condotta Montagna Pistoiese

Un “gemellaggio” culinario fra Bologna e Cutigliano, fra le strappole e il castagnaccio, fra i tortellini e le cappelle di funghi. L’appuntamento è fissato per il 17 gennaio e nasce da un incontro che c’è stato in questi giorni, in terra fiorentina, nel quartiere “Gavinana”, alla Biennale di Enograstronomia dove “Letterappenninica” di Federico Pagliai è stata invitata, fra degustazioni di raffinatezze arrivate da tutta Italia, a presentare due dei “suoi” libri: i racconti di Stinchi (il cuoco sanmarcellino Marco Mucci) e i racconti della Leda (una signora bolognese la cui figlia, Lorena, ha trovato e recuperato antiche ricette scritte su foglietti volanti).

Ed è stata proprio in questa seconda occasione che si sono incontrati Andrea Alisi, cuoco di Nonno Cianco, e Lorena Grattoni, autrice del libro di ricette bolognesi, insieme al sindaco di Cutigliano Tommaso Braccesi. Sono stati presentati i racconti e le ricette della Leda, ma è stata raccontata anche la storia di “Nonno Cianco”: il locale di Cutigliano messo in piedi, all’inizio degli anni Duemila, dai nipoti di Umberto Alisi, appunto il “Nonno Cianco” antico titolare, a Firenze, di una trattoria chiamata “Il cianco” poi passata al figlio Renato che, giunto all’età di 75 anni, lasciò ai nipoti una minuziosa descrizione della sua trattoria. Da qui il locale di Cutigliano, posto alla partenza della funivia e presente nella guida Slow Food.

Ma da qui, nel quartiere di Gavinana a Firenze, anche l’idea di una serata particolare nel prossimo gennaio: il cuoco “montanino” che realizza le ricette bolognesi trovate da Lorena Grattoni, presidente della proloco di Campeda nel territorio di Sambuca, in una vecchia scatola di latta: quella del mitico “lievito Bertolini”.

Grande attenzione, presso la Biennale di Enogastronomia guidata dal giornalista Leonardo Romanelli anche per i racconti, le ricette, i personaggi di Marco Mucci intervenuto nello spazio presentazione libri con Federico Pagliai, presidente di Letterappenninica. Uno “sbarco” in città, per l’associazione culturale della Montagna Pistoiese, coronato da un sostanziale successo.

  • LUNA                                            
  • SCARPONI 
  • NEVEROSA 
  • UCCELLINO 
  • ARCOBALENO

LetterAppenninica

FESTIVAL DELLA MONTAGNA

Rassegna culturale di promozione della scrittura, lettura, poesia

e conoscenza della Montagna Appenninica e delle sue Genti

come "Luogo del Buon Vivere"


... siate numerosi e se faremo errori... ci correggerete!

aquila

 Volteggia l’aquila sui crinali appenninici. Non conosce confini, quelli li fissano gli uomini. Raccoglie voci e atmosfere di genti, luoghi, usi e costumi di chi abita su quelle terre. Stessa volontà di Letterappenninica, un evento culturale ideato da alcuni appassionati di vita di Appennino, che si svolge su tutta la montagna pistoiese e non solo, con la partecipazione di autori, artisti, disegnatori e artigiani che a vario titolo hanno trattato di Appennini in tutta Italia.Vi aspettiamo, per conoscersi, confrontarsi, andare oltre i confini.

Come il volo di un’aquila insegna… intanto seguiteci su queste pagine!

 

 

LetterAppenninica 2016

dal 5 al 7 Agosto

25 appuntamenti sulle montagne tra Pistoia, Lucca, Bologna e Modena

(Abetone, Cutigliano, S. Marcello P.se, Piteglio, Sambuca P.se, Bagni di Lucca, Fiumalbo)

 


 

Chi Siamo.....

 

 

DIRETTORE ARTISTICO

Federico Pagliai (il Sassa)

CAST

Federico Pagliai
Tommaso Braccesi
Marina Lauri
Mauro Banchini
Rosanna Sichi
Alice sobrero
Sura bizzarri

CONTATTI

Federico Pagliai (il Sassa) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sura Bizzarri (l'Ancella) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

      FACEBOOK  Letterappenninica       

TWITTER  @LAppenninica

La nostra storia

L’ idea “Letterappennininica” somiglia a uno di quei tanti ruscelli che solcano i pendii di una montagna nei mesi del disgelo. Nasce dalla volontà di un risveglio, dall’ interesse di un gruppo di uomini e donne per la montagna appennininica, per la vita di migliaia di borghi aggrappati ai crinali e dalla passione per la cultura in generale.

Nell’ aprile del 2014, parlai del progetto “ Letterappenninica” con Tommaso Braccesi, attuale Sindaco di Cutigliano, Marina Lauri, Mauro Banchini, Sura Bizzari, Alice Sobrero e Ceccarelli Rosanna. Andai a “colpo sicuro”, sapevo della loro passione per la montagna e per la cultura ad essa collegata. Nacque sin da subito un’ottima condivisione e, soprattutto, l’ obiettivo di organizzare sulla Montagna Pistoiese un evento che radunasse artisti, autori e cantori che, a vario titolo, hanno dato voce agli Appennini di tutta Italia.

Terre bellissime, gli Appennini ma, spesso, chiuse dentro vallate che riflettono solo loro stesse. Ci voleva un qualcosa, una rassegna a caratura nazionale, che facesse in modo che tutte queste valli, e le voci che ne parlavano, si trovassero radunate, vivessero l’ opportunità della linfa vitale di un confronto, potessero percepire i crinali come cerniere che collegano e non come situazioni di divisione.

Sono trascorsi diversi mesi da quelle prime incerte gocce di acqua che sfuggivano dall’ immobilismo della neve. Oggi, maggio 2015, “Letterappenninica” è pronta a partire, a richiamare altri ruscelli di crinale e di sapere legato alla vita della gente di Appennino di Italia. Non resta, a questo punto, che attendere la prima edizione, denominata “Letterappenninica anno zero” per ascoltare nelle vie, piazze e luoghi caratteristici della Montagna Pistoiese chi di Appennini ha scritto, parlato, cantato…

Chi, insomma, queste terre le ha vissute. Come noi, gente di Appennino.

Federico Pagliai.

poggio delle ignude

Argomenti Popolari

Sito realizzato con la collaborazione di Fabrizio Fidati
poggio-ignude.jpg

Visitors Counter

16178
TodayToday6
YesterdayYesterday27
This_WeekThis_Week6
This_MonthThis_Month427
All_DaysAll_Days16178